Val Tidone Festival

Alert edizione 2020


L’emergenza sanitaria che ha investito il nostro paese e il resto del mondo nel 2020 ha fermato tutte le attività di spettacolo dal vivo.
Per gli enti come la nostra Fondazione ciò ha importato significative ripercussioni, sia emotive, sia economiche (basti pensare alla filiera musicale e all'ondata di disoccupazione provocata dalla chiusura di teatri e sale da concerto).

La trasmissione in streaming dei concerti ha sicuramente dato un sollievo alla gente e contribuito alla divulgazione della cultura musicale, ma è evidente che – non appena possibile – bisognerà tornare alle rappresentazioni dal vivo.
L’impatto emozionale di uno spettacolo dal vivo si basa non solo sulla qualità, sulla perizia, sulla tipologia di performance, ma anche sulla interazione che si crea tra artista e spettatore; interazione che, nel caso del Val Tidone Festival, diventa cifra caratterizzante, laddove la contiguità del pubblico allo spazio scenico e l’approccio “friendly” raccomandato agli artisti consentono di fruire del concerto in modo peculiare, quasi “interattivo” (è come se gli spettatori fossero sul palco assieme agli artisti e ne “diventassero amici”), alimentandone una percezione diversa rispetto a quella degli eventi organizzati nei teatri, sale o nei grandi spazi all’aperto.

Vogliamo ripartire, ma solo quando sarà possibile farlo in totale sicurezza, prendendoci il tempo necessario per adattare il nostro progetto a una realtà mutata.
Occorre tenere conte delle scadenze del piano di ripresa stilato dal Governo e delle limitazioni cui si andrà temporaneamente incontro riguardo a pubblico e artisti; limitazioni che, nel caso di eventi che si svolgono all’aperto, in spazi non facilmente circoscrivibili come quelli della Val Tidone e normalmente ad ingresso gratuito per dare a quanta più gente la possibilità di fruirne, impongono tempi di adeguamento strutturale incompatibili con quelli usuali del Festival.
Il Val Tidone Festival, d’altro canto, si sviluppa su un territorio a vocazione turistica stagionale, riguardo al quale non è possibile differire i tempi di programmazione, scostandosi dall’estate (gli eventi devono svolgersi all’aperto, non solo per quella che è la cifra caratterizzante del Festival, ma anche perché in quasi tutti i Comuni coinvolti mancano delle valide alternative al chiuso).

Per le ragioni sopra esposte, certi della comprensione del nostro pubblico, abbiamo deciso di rimandare il Val Tidone Festival all’estate 2021, riservandoci comunque la possibilità di organizzare uno/due concerti di anteprima il prossimo autunno/inverno.